Archivi categoria: Approfondimenti ICT

Un anno 4.0: il valore delle relazioni combinatorie

Il 24 novembre torna l’evento annuale unCONVENTIONal Aused che includerà la terza edizione del Premio Wolfler

Si svolgerà il prossimo 24 novembre presso l’auditorium della LIUC – Università Logo-unCONVENTIONal-Aused_v3Cattaneo, in piazza Soldini 5 a Castellanza (VA), l’edizione 2017 di unCONVENTIONal Aused. Questo incontro associativo, organizzato con LIUC – Università Cattaneo, vuole proporre un confronto tra e con i CIO per riflettere sull’attuale contesto economico caratterizzato dalla combinazione di relazioni e tecnologie. In occasione dell’incontro verrà assegnata la terza edizione del Premio Wolfler, conferito dai CIO AUSED ai migliori fornitori del 2017 e consegnato quest’anno direttamente dal Magnifico Rettore LIUC, Federico Visconti.

Lo stretto contatto con il mondo aziendale e delle professioni consente a LIUC Business School di proporre percorsi di approfondimento efficaci e mirati alla crescita professionale di quanti, manager o liberi professionisti, necessitino di strumenti innovativi per dirigere i processi. Un’esperienza di apprendimento in grado di coniugare rigore accademico e rilevanza professionale.

Ai partecipanti verrà consegnato “Vite parallele 2017”, la pubblicazione annuale che raccoglie i pensieri, le riflessioni e gli aneddoti che gli Associati Aused hanno pubblicato sul blog Vite Parallele in questi mesi. AUSED lo aveva promesso durante la scorsa edizione dell’evento e, grazie a NPO Sistemi che anche in questo caso ha voluto essere Partner dell’iniziativa, l’associazione di CIO italiana più longeva manterrà la promessa. Continua a leggere Un anno 4.0: il valore delle relazioni combinatorie

Annunci

Npo Sistemi e l’infrastruttura digitale per L’Eco della Stampa

L’Eco della Stampa sta seguendo un percorso di innovazione della propria infrastruttura digitale. Un’esigenza che ha portato fin da subito risultati positivi in ottica di velocità e ridondanza dei sistemi

Cersosimo

Cernusco sul Naviglio  – Npo Sistemi ha da poco terminato di realizzare per L’Eco della Stampa un network completamente ridondato attraverso tecnologie HPE. L’esigenza iniziale de L’Eco della Stampa era quella di poter proteggere e mettere in sicurezza i dati, consolidando i diversi sistemi di storage in un’unica soluzione innovativa, garantendo repliche fra i siti, snapshot, Disaster Recovery ad alte prestazioni. Inoltre necessitava di compatibilità fra i vecchi e i nuovi dati con una migrazione veloce, online e indolore.

Grazie a NPO Sistemi il network della infrastruttura de L’Eco della Stampa è divenuto oggi molto veloce e completamente ridondato con tecnologia IRF, dal momento che i server, le macchine virtuali, i database sui sistemi HPE 3PAR sono più veloci e soprattutto sicuri.
Il percorso di innovazione dell’infrastruttura digitale tramite il supporto di Npo Sistemi è partito dall’esigenza nata da diversi motivi organizzativi ma con un unico obiettivo: proteggere e mettere in sicurezza i dati, sempre più asset strategico per l’azienda, che negli ultimi decenni raccoglie informazioni non solo dal business tradizionale legato alle testate cartacee ma anche da Tv, web, radio e social media. Continua a leggere Npo Sistemi e l’infrastruttura digitale per L’Eco della Stampa

Cyber security: un punto da cui partire

fireeye-2-colorIn Italia, così come nel resto del mondo, si guarda con sempre maggiore attenzione alla Cyber Security, tema fino a pochi anni troppo poco esplorato da molte organizzazioni. Ora se ne parla spesso: i telegiornali riportano notizie quotidiane di attacchi hacker, la stampa specialistica propone approfondimenti frequenti e persino la chiacchiera da bar della mattina prevede di parlare, tra un caffè e una brioche, della tal azienda che è stata “breachata”. La percezione di questo tema è insomma diventata mainstream, seppur con diversi livelli di competenza e approfondimento.
Siamo circondati da dati, in continuo aumento di numero e di qualità; le aziende devono prestare sempre più attenzione a rendere proprio questi dati il più protettipossibile. Il tema ha interessato sempre più le imprese; del resto la parola cyber  ha la sua radice proprio nella parola greca kibernete, che definisce il pilota di una nave.

La similitudine funzionale con il ruolo dell’Executive Management aziendale eleva quindi l’importanza della Cyber Security a un tema che DEVE interessare tutti i livelli decisionali ed operativi delle imprese stesse.

È con questo obiettivo che anche in Italia è stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale del 31 maggio 2017, Il piano nazionale per la protezione cibernetica e la sicurezza informatica.

Questo nuovo piano, che stabilisce la roadmap per l’adozione da parte dei soggetti pubblici e privati delle misure prioritarie per l’implementazione del Quadro Strategico Nazionale (QSN), segue un’iniziativa simile rilasciata per il periodo 2014-2015, forte dell’esperienza di quell’iniziativa e di quella maturata da paesi tecnologicamente più avanzati.

Rappresenta un passo strategico importante soprattutto in chiave programmatica ed evolutiva del sistema Paese, ratificando molte delle moderne Best Practice suggerite da framework internazionali. Continua a leggere Cyber security: un punto da cui partire